Bonarda dell’Oltrepò Pavese DOC

Vitigno: Croatina

La denominazione Bonarda dell’Oltrepò Pavese DOC descrive una specifica tipologia di vino, anche in versione Frizzante, ottenuto principalmente da uve Croatina (Bonarda) prodotte esclusivamente in una serie di comuni dell’Oltrepò in provincia di Pavia.

Bonarda dell'Oltrepò Pavese DOC

Tipologie di Vino

Bonarda dell’Oltrepò Pavese DOC: Croatina min 85%, Barbera, Ughetta (Vespolina), Uva rara, sole o congiuntamente, fino ad un max 15%.

Questo vino si presenta visivamente limpido, di colore rubino carico con riflessi violacei e di medio-buona consistenza; l’olfatto è fine, intenso con sentori vinosi e altri aromi caratteristici del vitigno Croatina: cadenze fruttate di marasca e mora. Al sapore risulta asciutto e rotondo, di corpo e leggermente tannico. Persistenza aromatica medio-lunga.

Bonarda dell'Oltrepò Pavese DOC area

Caratteristiche pedo-climatiche del territorio

l territorio dell’Oltrepò è un comprensorio appenninico e pre-appenninico situato nel’area meridionale della provincia di Pavia, in un lembo di terra compreso che separa il Piemonte dall’Emilia Romagna. L’altitudine dei vigneti non supera i 400m ed il clima è asciutto d’inverno e ventilato d’estate, con elevate escursioni termiche dovute alle correnti ascensionali delle zone di montagna vicine. Tutte queste caratteristiche hanno reso il territorio dell’Oltrepò una zona particolarmente vocata alla produzione di uva e di vino.

Bonarda dell'Oltrepò Pavese DOC - vigneti

Le zone morfologiche che caratterizzano questo territorio sono due: i terreni della zona collinare bassa sono costituiti da rocce sedimentarie marine, con una rilevante componente argillosa, mentre quelle più alte sono di origine gessosa.

Storia della DOC

La Croatina è il vitigno simbolo dell’Oltrepò Pavese, poliedrico e versatile, quest’ottima uva sa dare vini vivaci ma anche grandi vini importante. Le prime citazioni di questo vitigno risalgono alla seconda metà dell’800, quando vari ampelografi tentarono di mettere ordine ai vigneti, in particoalre tra Croatina, Uva rara e Bonarda piemontese e altri vitigni. Solo da quel momento si va a concretizzare la scheda ampelografica della Croatina, la cui etimologia deriverebbe da “croatta” o “cravatta” e starebbe ad indicare che tale vino veniva consumato nei giorni di festa. La Croatina, viene chiamata Bonarda fin dall’800. Ma solo alla fine degli anni 60 si comprende il grande valore e potenzialità di questo vitigno, con l’inizio di ricerca e sperimentazione per individuare i cloni di Croatina più consoni alle esigenze dei produttori.

DOC

Marchio DOC DOP

2010

Cantine

  • Annibale Alziati – Gaggiarone
  • Fratelli Agnes

Vini

Tutti i migliori vini Bonarda dell’Oltrepò Pavese DOC selezionati da Vivi il Vino.

[wcpscwc_pdt_slider cats=”191″]

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.