Capalbio DOC

 Vitigni: vari

La denominazione Capalbio DOC descrive diverse tipologie di vino come:

  • Capalbio Bianco DOC
  • Capalbio Rosso DOC
  • Capalbio Rosso Riserva DOC
  • Capalbio Rosato DOC
  • Capalbio Vin Santo DOC

e tipologie monovitigno come

  • Capalbio Sangiovese DOC
  • Capalbio Vermentino DOC
  • Capalbio Cabernet Sauvignon DOC

Questi vini sono ottenuti da uve prodotte nei comuni di Capalbio, Manciano, Magliano e Orbetello, tutti in provincia di Grosseto.

Tipologia di Vino

Capalbio DOC Rosso, Capalbio DOC Rosato:  Sangiovese min 50%. Possono concorrere altri vitigni a bacca nera, idonei alla coltivazione nella regione Toscana fino ad un max 50%.

Capalbio DOC Bianco e Capalbio DOC Vin Santo: Trebbiano toscano min 50%. Possono concorrere altri vitigni a bacca bianca, idonei alla coltivazione nella regione Toscana fino ad un max 50%.

Capalbio DOC Vermentino: Vermentino min 85%. Possono concorrere altri vitigni a bacca bianca, idonei alla coltivazione nella regione Toscana fino ad un max 15%.

Capalbio DOC Sangiovese: Sangiovese min 85%. Possono concorrere altri vitigni a bacca nera, idonei alla coltivazione nella regione Toscana fino ad un max 15%.

Capalbio DOC Cabernet Sauvignon: Cabernet Sauvignon min 85%. Possono concorrere altri vitigni a bacca nera, idonei alla coltivazione nella regione Toscana fino ad un max 15%

Caratteristiche pedo-climatiche del territorio

L’area di produzione è costituito da rilievi di bassa e media collina a pendenza media e alta, i cui terreni sono caratterizzati da formazioni prevalentemente calcaree, anidritiche e gessose, la cui quota media è di 128 metri sul livello del mare, con una pendenza dell’11%. A sud di Capalbio si rinvengono terrazzi e ripiani di bassa quota a debole pendenza, su depositi alluvionali a granulometria mista e sedimenti marini sabbiosi, la cui quota media è di 97 metri con una pendenza del 2%.

Capalbio DOC area

Il clima dell’area è di tipo mediterraneo, con temperature miti e precipitazioni disordinate, talvolta anche di elevata intensità, concentrate soprattutto nei mesi autunnali-invernali. La temperatura media oscilla intorno ai 15.2°C e le precipitazioni intorno ai 690 mm all’anno. Le estati sono per lo più siccitose e le condizioni di aridità sono accentuate dai venti che soffiano con frequenza come Libeccio e Scirocco, mentre nell’estate soffia il Maestrale, che sebbene provenga dal mare, risulta asciutto.

Storia della DOC

In quest’area esistono testimonianze della coltivazione della vite che risalgono al periodo etrusco, greco e romano. La città etrusca di Cosa, nella parte meridionale della zona di produzione, l’area di Poggio Buco, più a nord, sono solo alcuni esempi di insediamenti rilevanti.  In particolare, presso Marsiliana, lungo il corso del fiume Albenga, è stato rinvenuto un numero consistente di vasellame e pithoi (recipienti particolari per la raccolta del vino proveniente dalla pigiatura delle uve e dai torchi), probabilmente poichè il luogo corrispondeva ad un vero e proprio centro di raccolta per i vini che provenivano dalle aree più interne. La presenza romana accentuò la tendenza al miglioramento delle tecniche di vinificazione, che rimasero insuperate fino al medioevo.

DOC

Marchio DOC DOP

1999

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.