Colli Piacentini DOC

Vitigni: vari

La denominazione Colli Piacentini DOC descrive diverse tipologie di vino come:

  • Monterosso Val d’Arda Colli Piacentini DOC,
  • Trebbianino Val Trebbia Colli Piacentini DOC
  • Valnure Colli Piacentini DOC 

tutti anche in versione Spumante e Frizzante che tipologie monovitigno come

  • Barbera,
  • Bonarda,
  • Malvasia,
  • Pinot Grigio,
  • Pinot nero,
  • Sauvignon,
  • Cabernet Sauvignon,
  • Chardonnay,

ed due tipologie di vin santo:

  •  Vin Santo Colli Piacentini DOC
  •  Vin Santo di Vigoleno Colli Piacentini DOC

Tutti questi vini vengono prodotti nei comuni distribuiti sulle colline Piacentine in provincia di Piacenza.

Colli Piacentini DOC

Tipologie di Vino

Colli Piacentini DOC Monterosso Val d’Arda: Malvasia di Candia aromatica e Moscato bianco: dal 20 al 50%; Trebbiano Romagnolo e Ortrugo: dal 20 al 50%. Possono concorrere Bervedino e/o Sauvignon ed altri vitigni a bacca bianca, idonei alla coltivazione in Emilia-Romagna, fino ad un massimo del 30%.

Colli Piacentini DOC Novello: Pinot nero e/o Barbera e/o Croatina (localmente denominata Bonarda): minimo 60%. Possono concorrere altri vitigni a bacca nera, idonei alla coltivazione in Emilia-Romagna, fino ad un massimo del 40%.

Colli Piacentini DOC Trebbianino Val Trebbia: Ortrugo: dal 35 al 65% Malvasia di Candia aromatica e Moscato bianco: dal 10 al 20%; Trebbiano Romagnolo e Sauvignon: dal 15 al 30%. Possono concorrere altri vitigni a bacca bianca, idonei alla coltivazione in Emilia-Romagna, fino ad un massimo 15%.

Colli Piacentini DOC Valnure: Malvasia di Candia aromatica: dal 20 al 50%; Trebbiano Romagnolo e Ortrugo: dal 20 al 65%. Possono concorrere altri vitigni a bacca bianca, idonei alla coltivazione in Emilia-Romagna, fino ad un massimo del 15%.

Colli Piacentini DOC Vin Santo: Malvasia di Candia aromatica e/o Ortrugo e/o Sauvignon e/o Marsanne e/o Trebbiano Romagnolo: minimo 80%. Possono concorrere altri vitigni a bacca bianca, idonei alla coltivazione in Emilia-Romagna, fino ad un massimo del 20%.

Colli Piacentini DOC Vin Santo di Vigoleno: Santa Maria e Melara minimo 60%; possono concorrere Bervedino e/o Ortrugo e/o Trebbiano Romagnolo, nella misura massima del 40%.

Colli Piacentini DOC Malvasia: Malvasia di Candia aromatica: minimo 85%; possono concorrere alla produzione di detto vino anche le uve dei vitigni a bacca di colore analogo idonei alla coltivazione in Emilia-Romagna, fino ad un massimo del 15%.

Colli Piacentini DOC seguita da una delle seguenti menzioni di vitigno: Barbera, Bonarda, Cabernet Sauvignon, Chardonnay, Pinot Nero, Pinot Grigio, Sauvignon: corrispondente vitigno min 85%; possono concorrere alla produzione di detti vini anche le uve dei vitigni a bacca di colore analogo, non aromatiche, idonei alla coltivazione in Emilia-Romagna, fino ad un massimo del 15%.

Caratteristiche pedo-climatiche del territorio

Da un punto di vista climatico ambientale, la zona di produzione del Gutturnio risulta caratterizzata da condizioni diversificate in modo significativo anche su distanze relativamente brevi per la presenza di conformazioni vallive parallele. Si può quindi dire che la particolarità dei suoli può dare luogo localmente a sezioni vallive ben esposte all’insolazione e protette dalle correnti atmosferiche più fredde che umide, oppure a climi particolarmente ventosi sui contrafforti collinari e nelle valli maggiormente esposte alle masse d’aria instabili di origine marina.

Colli Piacentini DOC area

Le pendenze dei terreni vitati favoriscono la percolazione dell’acqua e la parziale disidratazione del suolo nel periodo di maturazione delle bacche, facilitando il deposito, negli acini, degli zuccheri e delle altre sostanze nobili della qualità. Le pendenze sono spesso ragguardevoli, per cui i costi di produzione risultano generalmente alti.  Il clima dell’area di produzione è quello temperato sub-continentale, con temperatura media annua compresa tra 10 e 14,5°C; da uno a tre mesi estivi la temperatura media è superiore a 20°C.

Storia della DOC

Ma l’origine e la tradizione proviene ed è fondata sulle conoscenze greche: i viticoltori piacentini hanno sempre allevato la vite in forma bassa con le “Carasse” (Vinae Characatae di Columella) sostenendo che “è il palo che fa l’uva”. L’antica nobiltà dei vini piacentini è suffragata da tanti reperti e testimonianze uniche e inconfutabili. E con l’età del ferro, al primo millennio a.C., che gli abitanti delle terre mare palafitticole vicino al Po emigrarono verso le colline piacentine, fondando l’importante centro culturale e termale di Veleja e impiantando le prime viti.

Tra il IV e il II sec. a.C. popolazioni galliche scesero in pianura padana (Gallia Cisalpina) e vi portarono le loro conoscenze vitivinicole, compreso un nuovo modo di conservare il vino e trasportarlo: la botte di legno assai più forte e robusta della terracotta. Famoso nel mondo è il Fegato Etrusco (trovasi nel museo di Palazzo Farnese a Piacenza): ritrovato nel 1877 a Settima di Gossolengo, datato II sec. a.C., è un reperto bronzeo che riproduce l’organo anatomico di un bovino e presenta diverse iscrizioni fra cui quella del dio Fufluns, cioè un’ aruspice di abbondanza e di protezione, sia enoica che salutare. Gli etruschi erano colti, di carattere mite, il vino nei banchetti, rappresentava un elemento di amicizia e di convivialità, di uso parco non smodato: l’etrusco Saserna, il più noto agricoltore in terra piacentina, nel II sec. a.C. racconta che alla sua tavola si beveva il “Kilkevetra”, il vino di bosco dell’Appennino piacentino.

I vini piacentini dovevano essere già più che famosi ai tempi dei romani. Basta sfogliare i classici latini per scoprire, per esempio, che dei nostri vini parlava perfino Cicerone quando nel Senato di Roma apostrofava il suo avversario e collega piacentino Pisone accusandolo di bere calici troppo grandi di vino di Piacenza. E’ sicuramente di questo periodo storico, nel massimo splendore dell’Impero Romano, la ricca forgiatura del primo grande bicchiere “Gutturnium“. Invece Licino Sestulo, che preferiva le lodi aperte alle frecciate polemiche, predicava nel Foro che ‘Vinum merum placentium laetificat” cioè che il vino schietto di Piacenza aiuta a rasserenare lo spirito.

DOC

Marchio DOC DOP

1967

Cantine

  • Tenuta Villa Tavernago
  • Torre Fornello
  • Zerioli

Vini

I migliori vini Colli Piacentini DOC selezionati da Vivi il Vino.

[products_slider cats=”292″]

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. Gennaio 13, 2020

    […] Vino in abbinamento: Colli Piacentini Barbera DOC […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.