Conegliano Valdobbiadene Prosecco DOCG

Vitigno:  Glera

La denominazione Conegliano-Valdobbiadene Prosecco DOCG descrive una particolare tipologia di vino:

  • Conegliano-Valdobbiadene Prosecco DOCG
  • Conegliano-Valdobbiadene Prosecco Frizzante DOCG
  • Conegliano-Valdobbiadene Prosecco Spumante Superiore DOCG
  • Conegliano-Valdobbiadene Prosecco Superiore Cartizze DOCG

tutti ottenute da uve Glera prodotte esclusivamente in una serie di comuni in provincia di Treviso.

Conegliano Valdobbiadene Prosecco DOCG

Tipologie di Vino

Conegliano Valdobbiadene – Prosecco DOCG: Glera min 85%. Verdiso, Bianchetta trevigiana, Perera e Glera Lunga possono concorrere fino ad un max 15%, da soli o congiuntamente.

Caratteristiche pedo-climatiche del territorio

La morfologia dell’area di produzione si compone di una serie di rilievi collinari allungati “a cordonata”, definito sistema ad “hogback, disposti con direzione nord-sud nella parte più meridionale e con direzione est-ovest nella parte settentrionale. Tali rilievi sono separati da una serie di valli percorse da piccoli corsi d’acqua. L’area a nord si appoggia sulla catena prealpina che funge da barriera naturale all’ingresso di correnti fredde,
mentre a sud la zona gode delle temperature miti della Laguna di Venezia, da cui dista soli 40 Km.

I suoli della zona si sono originati dal sollevamento di fondali marini e sono stati successivamente modificati dall’azione dei ghiacciai e dei fiumi. I terreni sono costituiti in prevalenza da arenarie e marne, a cui si alternano strati morenici ed alluvionali. Tale profilo favorisce il costante drenaggio dell’acqua. Il clima dell’area è di tipo temperato, con stagioni ben delineate, caratterizzato da un’inversione termica notturna che consente di avere, nel periodo di maturazione delle uve, marcate escursioni di temperatura fra la notte ed il giorno, grazie alla discesa lungo i pendii della colline, di aria fresca proveniente dalle Prealpi. Le piogge frequenti del periodo estivo garantiscono l’apporto idrico sufficiente per il vitigno Glera, sensibile nel contempo sia al ristagno idrico che alla siccità. Questa condizione particolare si realizza grazie alla forte acclività ed allo scarso spessore di suolo esplorabile dalle radici delle viti.

Conegliano Valdobbiadene Prosecco DOCG logo

La sottozona Cartizze

Nel cuore della Denominazione è presente una piccola sottozona denominata Cartizze, di soli 106 ha, i cui terreni presentano una particolare pendenza ed esposizione verso sud che crea una sorta di anfiteatro naturale, molto apprezzato a livello qualitativo e paesaggistico.
La grande variabilità pedologica e climatica della denominazione trova espressione grazie alla menzione comunale “Rive”, che mette in luce la peculiare vocazione che esprimono le diverse località della zona di produzione.

La storia della DOCG

L’area collinare del Conegliano Valdobbiadene Prosecco vanta un’antichissima tradizione legata alla coltura della vite, le cui prime testimonianze scritte risalgono alle lapidi dei coloni romani. Già alla fine del VI secolo, il vescovo di Poitier, Venanzio Fortunato, nato a Valdobbiadene, ricordava le sue colline come “la terra in cui eternamente fiorisce la vite sotto la montagna dalla nuda sommità ove il verde ombroso protegge e ristora”.
Successivamente la vocazione alla produzione di vini bianchi nella zona di Conegliano Valdobbiadene è testimoniata da numerosissimi documenti, a partire dagli “Statuti Coneglianesi” del 1282, a quelli relativi alla dominazione della Repubblica Veneziana, alle testimonianze per l’apprezzamento del “vino bianco delle colline di Conegliano Valdobbiadene” dei regnanti inglesi, asburgici e polacchi dei secoli successivi.

Glera - vitigno

La prima citazione scritta della coltivazione del Prosecco nelle colline di Conegliano Valdobbiadene, è opera del nobile coneglianese Francesco Maria Malvolti, che nell’VIII numero del Giornale d’Italia del 1772, parla della coltivazione della vite in quest’area. Da questo periodo le citazioni e la fama del Prosecco crebbero in tutto il comprensorio del Conegliano Valdobbiadene, tanto che, verso la metà dell’800, iniziò ad essere coltivato in purezza. Importanti in questo senso sono le citazioni di due studiosi; il Conte Balbi Valier, selezionatore del biotipo chiamato Prosecco Balbi “con acini tondi e dal sapore e gusto fine, tendente all’aromatico”, ancor oggi apprezzato e largamente coltivato in tutto il comprensorio e quello dello storico Semenzi che, cita in un suo scritto “…squisitissimi vini bianchi sono la verdisa, la Prosecco e la bianchetta”, vitigni che ancora oggi compongono l’uvaggio del Conegliano Valdobbiadene Prosecco.

DOCG

DOCG DOP marchio

2009

Cantine

  • Spagnol Col del Sas
  • Terre di San Venanzio Fortunato
  • Malibràn

Vini

Tutti i migliori vini Conegliano Valdobbiadene Prosecco DOCG selezionati da Vivi il Vino.

[products_slider cats=”249″]

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.