Trebbiano d’Abruzzo DOC

Vitigno: Trebbiano Abruzzese (Trebbiano toscano e Bombino bianco ammessi)

La denominazione Trebbiano d’Abruzzo DOC descrive un particolare vino bianco nelle diverse tipologie:

  • Trebbiano d’Abruzzo DOC,
  • Trebbiano d’Abruzzo Superiore DOC
  • Trebbiano d’Abruzzo Riserva DOC 

ottenuti da uve Trebbiano prodotte nei territori delle provincie di  L’AquilaTeramoChieti e Pescara.

Trebbiano d'Abruzzo DOC Collline abruzzesi

Tipologie di Vino

Trebbiano d’Abruzzo DOC: Trebbiano abruzzese e/o Bombino bianco e/o Trebbiano toscano almeno all’85%. Possono concorrere altre varietà a bacca bianca, non aromatici idonei alla coltivazione, da sole o congiuntamente fino ad un massimo del 15%.

Caratteristiche pedo-climatiche del territorio

La zona geografica di produzione delimitata dalla denominazione DOC comprende l’intera fascia collinare costiera e pedemontana della regione Abruzzo che, nella parte mediana, si amplia verso l’interno per includere verso nord l’altopiano dell’Alto Tirino, a nord-est la Valle Subequana, a sud la Valle Peligna e a sud-ovest la Valle Roveto.

Trebbiano d'Abruzzo DOC area

Le formazioni collinari interessate dalla coltivazione della vite, costituite da depositi plio-pleistocenici, si sviluppano su una fascia di circa 20-25 Km di larghezza e circa 125 Km di lunghezza, dal fiume Tronto al fiume Trigno, cui si aggiungono alcune conche intermontane nella parte centrale della regione Abruzzo.

Trebbiano abruzzese - grappoli su tendone

Dal punto di vista granulometrico tali formazioni possono essere considerate abbastanza variabili: alle argille con sabbia si sovrappongono le sabbie silicee a grana fine e media, più o meno argillose, di colore giallastro per l’alterazione di ossidi di ferro, a cemento calcareo oppure argilloso, di soli scarso, spesso intercalato da livelli di limi, ghiaie e argille. Le conche intermontane sono costituite da terrazzi fluvio-alluvionali antichi, con depositi detritici a bassa pendenza che rendono questi terreni particolarmente sciolti, con spessore variabile in relazione alla pendenza ed alla esposizione.

pergola abruzzese

L’altitudine dei terreni coltivati a vite è compresa tra i 150 e i 600 metri s.l.m., con pendenze ed esposizioni variabili a seconda dei versanti. Sono esclusi i terreni siti nei fondovalle umidi e quelli con esposizioni poco consone.

Il clima è di tipo temperato, con temperature medie annuali comprese tra i 12°C di aprile e i 16°C di ottobre, ma nei mesi di luglio ed agosto tende al caldo-arido con temperature medie di 24-25°C. L’escursione termica annua è considerevole poichè legata da una parte alla presenza delle correnti fredde provenienti dai Balcani, che durante l’inverno fanno sentire la loro influenze, e dall’altra alla presenza del mare Adriatico e delle aree di alta pressione che permangono sul bacino del Mediterraneo durante l’estate.

Trebbiano abruzzese - grappolo

Notevoli anche le escursioni termiche tra giorno e la notte, favorite dalla vicinanza dei massici del Gran Sasso e della Maiella, così come la ventilazione che determinano le condizioni ottimali per l’accumulo di sostanze aromatiche nei grappoli, dando origine a uve di straordinaria qualità con vini dai profumi intensi e caratterizzati.

DOC

Marchio DOC DOP

1972

Cantine

  • Masciarelli Marina Cvetic
  • Emidio Pepe
  • Il Feuduccio
  • Valentini
  • Marammiero
  • Marchesi de’ Cordano
  • Amorotti

Potrebbero interessarti anche...

3 risposte

  1. Aprile 26, 2020

    […]  Vino da abbinare: Trebbiano d’Abruzzo DOC […]

  2. Agosto 20, 2020

    […] Vino in abbinamento: Trebbiano d’Abruzzo DOC […]

  3. Novembre 5, 2021

    […] Vino in abbinamento: Trebbiano d’Abruzzo DOC […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.