Vin Santo di Montepulciano DOC

 Vitigni: vari

La denominazione Vin Santo di Montepulciano DOC include tre diverse tipologie di vino:

  • Vin Santo di Montepulciano DOC
  • Vin Santo di Montepulciano Riserva DOC
  • Vin Santo di Montepulciano Occhio di Pernice DOC

La zona di produzione ricade nel territorio del comune di Montepulciano, in provincia di Siena.

Vin Santo di Montepulciano DOC

Il substrato geologico è piuttosto uniforme e nettamente caratterizzato. E’ costituito in larga misura da sedimenti marini pliocenici, dove predominano le sabbie soprattutto nelle zone a maggiore altitudine. Altri suoli, in particolare nei versanti che scendono versono la Valdichiana, si sviluppano su sedimenti continentali del Pleistocene antico. La litologia del territorio è quidni caratterizzata da sabbie e argille marine, con presenza di conglomerati nella parte ad est del territorio. Le sabbie sono caratteristiche di Montepulciano e in Toscana si ritrovano così diffuse solo a San Gimignano, mentre sono pressochè assenti sia a Montalcino che nel Chianti Classico.

Vin Santo di Montepulciano DOC area

Dal punto di vista meteorologico la zona è caratterizzata da un clima mediterraneo. La massima intensità piovosa si registra in ottobre e novembre, mentre l’estate è tendenzialmente asciutta.

Vin Santo di Montepulciano DOC vigneti

Le uve sono raccolte a piena maturità e dopo accurata cernita vengono messe ad appassire in appositi locali coperti ampi e ventilati, denominati “appassitoi” e tradizionalmente presenti nelle strutture agricole della zona. I grappoli selezionati vengono fatti appassire distesi su sostegni orizzontali chiamati “graticci” oppure appesi su telai verticali in legno o metallo. La durata dell’appassimento può arrivare ad alcuni mesi (fino a marzo per la tipologia Occhio di pernice), in modo da portare le uve ad una concentrazione zuccherina di almeno il 28% per la tipologia base e del 33% per la Riserva e per l’ Occhio di pernice. La fermentazione, conservazione ed il lungo invecchiamento (minimo 3 anni per la tipologia base) avvengono in piccoli contenitori di legno all’interno di idonei locali (vinsantaia), in genere separati dal resto della cantina e spesso posti sottotetto per accentuare le escursioni termiche stagionali che influenzano il decorso stesso dell’evoluzione aromatica.

DOC

marchio DOC
Marchio DOP

  1996

Cantine

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.