Guida ai vini della Sardegna

I vini della Sardegna

Il territorio e le caratteristiche pedoclimatiche

La Sardegna conta su circa 28000 ettari vitati, anche se la tendenza a sostituire vecchi impianti è marcata e comporta una variabilità anche importante in termini di ettari coltivati a vigneto anno su anno. I vini sardi hanno da sempre una diffusione soprattutto locale, anche se vini come il Vermentino, il Monica, i Moscati e le Malvasie sono comunque noti ed apprezzati anche sul continente.

I vitigni autoctoni della Sardegna

I vitigni più coltivati sono gli autoctoni CannonauMonicaCarignanoPascale e Bovale (autoctoni a bacca rossa), NuragusVermentino e Malvasia di Sardegna (a bacca bianca), ma anche Trebbiano Toscano e Sangiovese. L’unica DOCG è il Vermentino di Gallura. Tra le DOC ricordiamo il vino Girò di Cagliari DOC, a base del vitigno autoctono a bacca rossa Girò, mentre sul Bovale è basata la Campidano di Terralba DOC tra Cagliari e Oristano. Una particolare menzione merita il vino Vernaccia di Oristano DOC a base del vitigno autoctono Vernaccia di Oristano. Si tratta di un vino che nella sua versione base prevede 2 anni di affinamento in botte e un titolo alcolometrico volumico minimo del 14%, che sale al 15.5% per le riserve.

Sardegna a Vinitaly 2018

Le forme di allevamento

Diffuso è l’allevamento ad Alberello (soprattutto per il Cannonau), sono comunque anche presenti forme più moderne come SpallieraControspalliera e Guyot.

Le denominazioni DOCG e DOC della Sardegna

La Sardegna ha una sola DOCG

DOP – DOC (vini a denominazione di origine controllata)

Le denominazioni IGT della Sardegna

  • Barbagia IGT
  • Colli del Limbara IGT
  • Isola dei Nuraghi IGT
  • Ogliastra IGT
  • Marmilla IGT
  • Nurra IGT
  • Parteolla IGT
  • Pianargia IGT
  • Provincia di Nuoro IGT
  • Romangia IGT
  • Sibiola IGT
  • Tharros IGT
  • Valle del Tirso IGT
  • Valli di Porto Pino IGT